Onde d’Urto Radiali

Trattamento rapido, economico ed indolore

“Le Onde d’Urto non sono uno strumento di distruzione, ma di crescita e stimolo”

 

Le Onde d’Urto Radiali sono una terapia strumentale che negli ultimi decenni si è fatta strada in campo Ortopedico, Neurologico, Urologico e Veterinario. Sempre più linee guida internazionali e studi scientifici suggeriscono le R.S.W.T. (Radial Shock Wave Therapy: Terapia Onde D’Urto Radiali) come terapia primaria per il controllo del dolore o delle alterazioni tissutali (calcificazione, sperone calcaneare, fascite plantare, calli ossei,epicondilite)

Onde d'Urto Radiali EME Giugiaro

Principio

  • Trattamento NON INVASIVO
  • La cute non viene assolutamente lesionata

Attraverso una applicatore, un onda d’urto ad altissima velocità viene trasmessa in meno di 10 nanosecondi all’interno del corpo umano. Quest’onda attraversa i tessuti ad una velocità elevata e crea il cosiddetto fenomeno di CAVITAZIONE: in pratica si formano delle microscopiche bolle di gas nei liquidi interstiziali, le quali si espandono e collassano in tempi brevissimi (nanosecondi). Nella fase di collasso si crea un “jetstream”: una parte della bolla assume una forma a cuspide, implode su stessa e colpisce tutto ciò che trova lungo il suo percorso. Se la potenza è notevole il jetstream è in grado di distruggere i tessuti, altrimenti stimolarli.

Considerate che con una singola onda d’urto si creano migliaia di microbolle, le quali stimolano i tessuti e tenete a mente che stiamo parlando di fenomeni MICROSCOPICI.

Questa tecnologia è utilizzata dagli anni 80 in campo ortopedico, supportata da studi scientifici importanti e certificazioni Europee.

Schema applicazione onde d’urto

Bolla di cavitazione

Meglio le Radiali o le Focali?

Le Onde D’Urto Focali hanno una concentrazione dell’energia più concentrata e questo le rende molto più DOLOROSE (spesso insopportabile), con un effetto distruttivo forse più garantito ed un costo decisamente superiore.

Invece le Onde d’Urto Radiali hanno una distribuzione dell’onda più “sferica”, una tecnologia più semplice e sono :

  1. MENO dolorose rispetto le Focali.
  2. Capaci di trattare aree più ampie.
  3. Più economiche.
 

A livello scientifico, di letteratura, non c’è alcuna differenza di risultati tra Focali e Radiali: gli esiti sul controllo del dolore sono perfettamente sovrapponibili tra entrambe le tecnologie. (vedere Analisi Sistematica pubblicata sulle maggiori riviste scientifiche, realizzata sul database di Fisioterapia più importante al mondo, PEDro: Link allo studio).

Come detto prima, a vantaggio delle Focali c’è una maggior potere “distruttivo”, pertanto andrebbero preferite dove la presenza di un importante alterazione anatomica è il principale obiettivo del trattamento come la riduzione di:

  • calli ossei
  • becchi ossei negli amputati
  • grosse calcificazioni (2-3cm)
  • grossolani speroni calcaneari sopra 1,5cm.
 

Queste condizioni, a livello anatomico, possono trarre più beneficio dalle Onde Focali. Ciò non toglie che le Radiali possono comunque dare una notevole riduzione del dolore, pur senza eliminare completamente l’alterazione anatomica: numerosi studi in letteratura dimostrano come pur senza alcun cambiamento dell’alterazione (sperone,calcificazione…), dopo le Onde Radiali c’è un’importante riduzione del dolore o totale scomparsa.

Sappiate poi che numerosi studi, dimostrano che una fetta importante della popolazione è affetta da calcificazioni o speroni visibili nelle lastre, senza avere alcun problema o dolore (il 33% della popolazione ha uno sperone calcaneare visibile nelle lastre, ma non ha alcun dolore...), quindi non sempre l’alterazione anatomica è responsabile del dolore.

Costano troppo?

La Tecnologia delle Onde D’Urto è soggetta ad usura, dove ricambi e manutenzione sono molto costosi. Inoltre la sua efficacia sul dolore è molto elevata, dove scomodandovi 1 volta la settimana per 15min, per 3-5 sedute massimo, si possono avere risultati sovrapponibili a percorsi più complessi e costosi.

Nel nostro caso, al fine di garantire un risultato certo, non ci limitiamo ad erogare solo 2000 colpi su di un unico punto in 4min e stop (quindi attenzione ad offerte più economiche), ma andiamo a colpire il bersaglio primario da varie angolazioni, facciamo pre-colpi per ridurre il fastidio della terapia e a volte andiamo a trattare strutture correlate alla patologia.

Quindi chiediamo 45€ per 15-20min totali di seduta per dei cambiamenti garantiti.

Effetti e Risposta Biologica

 

 

Ad oggi è scientificamente dimostrato, provato e supportato che ha svariati effetti pratici e biologici:

  • CAVITAZIONE: grazie a questa è in grado di ridurre dimensioni, forma, aspetto e angolo di speroni calcaneari, calcificazioni, calli ossei. Letteralmente in grado di modificare piccole porzioni di tessuto.
  • OSTEOBLASTI: stimola la ricrescita del tessuto osseo in problemi di unione di fratture cronici (pseudoartrosi).
  • PRODUZIONE DI OSSIDO NITRICO E FATTORI DI CRESCITA FASCOLARI (VGF): stimola la vascolarizzazione a breve e lungo termine (misurabile fino a 6mesi da fine ciclo)
  • DEPOLARIZZAZIONE NERVOSA: è un fortissimo strumento di riduzione del dolore a breve termine.

Modo d'uso

A livello pratico l’applicatore del dispositivo viene applicato direttamente sopra la zona da trattare e comincia l’erogazione del numero stabilito di  “colpi”. Di norma questi si aggirano sempre tra i 1900 e 2500 colpi per area/bersaglio da trattare. E’ facile che per ottimizzare i risultati e trattare al meglio la patologia, vengano colpiti più di un bersaglio. Possiamo dividere un trattamento in 6 fasi:

  1. Identificazione area di trattamento
  2. Applicazione gel conduttivo
  3. Sequenza di colpi di adattamento: servono per adattare i tessuti al “fastidio” e desensibilizzare la zona.
  4. Sequenza di colpi di trattamento: qui si lavora a potenze superiori, con maggior fastidio ed effetto terapeutico.
  5. Cambio bersaglio
  6. Pulizia gel.
 

Il trattamento è rumoroso, in quanto c’è un compressore in funzione dentro il dispositivo ed parti mobili si muovono velocemente dentro l’applicatore.

Campi di applicazione

 

A livello di letteratura e pratica mondiale le RSWT vengono utilizzate per:

  • Epicondilite (Gomito del Tennista)
  • Epitrocleite (Gomito del Golfista)
  • Spalla dolorosa calcifica
  • Spalla Congelata
  • Tendinite Calcifica della Spalla
  • Borsite Calcifica Spalla
  • Borsite peritrocanterica anca
  • Osgood-Schlatter (Apofisite Tibiale)
  • Hoffite (Iinfiammazione Corpo di Hoffa)
  • Lesioni Muscolari croniche
 
  • Tallodinia/Tallonite
  • Sperone Calcaneare
  • Fascite Plantare
  • Dolore Pelvico
  • Disturbi dell’Erezione
  • Sindrome di Peryonie (Enduratio Peni)
  • Non unione di fratture (pseudoartrosi)
  • Becchi ossei
  • Tendinite Patellare
 
 
 

Considerando il suo effetto trofico e di modulazione del dolore, può essere utilizzata in sicurezza e con risultati notevoli anche per:

  • Lombalgia
  • Dolori Femorali
  • Tendinopatia Achillea
  • Algie cingolo scapolare/trapezi
 
RSWT sperone piede

Controindicazioni

Le onde d’urto radiali fondamentalmente non hanno controindicazioni patologiche specifiche, al massimo anatomiche di competenza dell’operatore (Es. Il Cranio). Ad ogni modo vanno segnalati:

  1. Gravidanza.
  2. Presenza di neoplasie o nuclei in crescita nella zona di applicazione.
  3. Tenosinoviti infettive.
  4. L’assunzione di farmaci anticoagulanti va segnalata al medico e al terapista.
  5. Polineuropatie o Mielopatie vanno segnalate a Medico Curante e Terapista (neuropatia diabetica ad es.).
  6. Osteoporosi avanzata.
  7. Necrosi Ossea.
 
Letteratura
  1. Ching-Jen Wang, Extracorporeal shockwave therapy in musculoskeletal disorders, in Journal of Orthopaedic Surgery and Research, vol. 7, 2012, p. 11, DOI:10.1186 / 1749-799X-7-11, ISSN 1749-799X .
  2. Bryan Chung , Wiley J. Preston, Extracorporeal Shockwave Therapy, in Sports medicine, vol. 32, 2002, pp. 851-865,DOI:LINK, ISSN 0112-1642.
  3. Thiele S, Thiele R, Gerdesmeyer L, Lateral epicondylitis: This is still a main indication for extracorporeal shockwave therapy, in International Journal of Surgery, 2015, DOI: LINK, PMID 26455532.
  4. Wang CJ, Ko JY, Chan YS, Weng LH, Hsu SL, Extracorporeal shockwave for chronic patellar tendinopathy, in The American Journal of Sports Medicine, vol. 35, 2007, pp. 972–8,DOI:LINK, PMID 17307892.
  5. Louwerens JK, Sierevelt IN, van Noort A, van den Bekerom MP, Evidence for minimally invasive therapies in the management of chronic calcific tendinopathy of the rotator cuff: a systematic review and meta-analysis, in Journal of Shoulder and Elbow Surgery, vol. 23, 2014, pp. 1240–9,DOI:10.1016/j.jse.2014.02.002, PMID 24774621.
  6. Wiegerinck JI, Kerkhoffs GM, van Sterkenburg MN, Sierevelt IN, van Dijk CN, Treatment for insertional Achilles tendinopathy: a systematic review, in Knee Surgery, Sports Traumatology, Arthroscopy, vol. 21, 2013, pp. 1345–55,DOI:10.1007/s00167-012-2219-8, PMID 23052113.
  7. Cacchio A, Rompe JD, Furia JP, Susi P, Santilli V, De Paulis F, Shockwave therapy for the treatment of chronic proximal hamstring tendinopathy in professional athletes, in The American Journal of Sports Medicine, vol. 39, 2011, pp. 146–53, DOI:LINK, PMID 20855554.
  8. Wang CJ, Wang FS, Yang KD, Weng LH, Ko JY, Long-term results of extracorporeal shockwave treatment for plantar fasciitis, in The American Journal of Sports Medicine, vol. 34, 2006, pp. 592–6,:10.1177/0363546505281811, PMID 16556754.
  9. Yin MC, Ye J, Yao M, Cui XJ, Xia Y, Shen QX, Tong ZY, Wu XQ, Ma JM, Mo W, Is extracorporeal shock wave therapy clinical efficacy for relief of chronic, recalcitrant plantar fasciitis? A systematic review and meta-analysis of randomized placebo or active-treatment controlled trials, in Archives of Physical Medicine and Rehabilitation, vol. 95, 2014, pp. 1585–93,DOI:LINK, PMID 24662810.
  10. Gruenwald I, Appel B, Kitrey ND, Vardi Y., Shockwave treatment of erectile dysfunction., in Therapeutic Advances in Urology, vol. 5, 2013, pp. 95-99,DOI:10.1177/1756287212470696.
  11. Abdullah Alkhayal e Serge Carrier, Con: does shockwave therapy have a place in the treatment of Peyronie’s disease?, in Translational Andrology and Urology, vol. 5, nº 3, 14 aprile 2016, pp. 371–374, DOI:10.21037/tau.2016.03.20URL consultato il 3 dicembre 2017.
  12. Grzegorz Lukasz Fojecki, Stefan Tiessen e Palle Jörn Sloth Osther, Extracorporeal shock wave therapy (ESWT) in urology: a systematic review of outcome in Peyronie’s disease, erectile dysfunction and chronic pelvic pain, in World Journal of Urology, vol. 35, nº 1, 1º gennaio 2017, pp. 1–9,DOI:10.1007/s00345-016-1834-2URL consultato il 3 dicembre 2017.
  13. Lohrer H, Nauck T, Korakakis V, Malliaropoulos N., Historical ESWT Paradigms Are Overcome: A Narrative Review., in BioMed Research International, 2016,DOI:10.1155/2016/3850461..
  14. Van der Worp H, van den Akker-Scheek I, van Schie H, Zwerver J., ESWT for tendinopathy: technology and clinical implications., in Knee Surgery, Sports Traumatology, Arthroscopy., 21(6), 2013, pp. 1451-1458.,DOI:10.1007/s00167-012-2009-3.
  15. Schmitz C, Császár NBM, Milz S, et al., Efficacy and safety of extracorporeal shock wave therapy for orthopedic conditions: a systematic review on studies listed in the PEDro database., in British Medical Bulletin., 116(1), 2015, pp. 115-138,DOI:10.1093/bmb/ldv047.
  16. Huisstede BM1, Gebremariam L, van der Sande R, Hay EM, Koes BW., Evidence for effectiveness of Extracorporal Shock-Wave Therapy (ESWT) to treat calcific and non-calcific rotator cuff tendinosis–a systematic review., in Man Ther., 16(5), 2011, pp. 419-33,DOI:10.1016/j.math.2011.02.005..
  17. Cochrane collaboration- 2005 – Shock wave therapy for elbow pain
  18. Mani-Babu S, Morrissey D, Waugh C, Screen H, Barton C., The effectiveness of extracorporeal shock wave therapy in lower limb tendinopathy: a systematic review., in Am J Sports Med., 43(3), 2015 Mar, pp. 752-61.,DOI:LINK., PMID 24817008.
  19. Al-Abbad H, Simon JV., The effectiveness of extracorporeal shock wave therapy on chronic achilles tendinopathy: a systematic review., in Foot Ankle Int., 34(1), 2013 Jan, pp. 33-41.,DOI:LINK, PMID 23386759..
  20. Gollwitzer H, Saxena A, DiDomenico LA, Galli L, Bouché RT, Caminear DS, Fullem B, Vester JC, Horn C, Banke IJ, Burgkart R, Gerdesmeyer L., Clinically relevant effectiveness of focused extracorporeal shock wave therapy in the treatment of chronic plantar fasciitis: a randomized, controlled multicenter study., in J Bone Joint Surg Am., 97(9), 6 maggio 2015, pp. 701-8,DOI:10.2106/JBJS.M.01331, PMID 25948515.
  21. Dizon JN, Gonzalez-Suarez C, Zamora MT, Gambito ED., Effectiveness of extracorporeal shock wave therapy in chronic plantar fasciitis: a meta-analysis., in Am J Phys Med Rehabil., 92(7), 2013 Jul, pp. 606-20.,DOI:LINK23552334.
  22. Beyazal MS, Devrimsel G. Comparison of the effectiveness of local corticosteroid injection and extracorporeal shock wave therapy in patients with lateral epicondylitis., J Phys Ther Sci., 27(12), 2015 Dec, pp. 3755-8, DOI:LINK, PMC 4713784, PMID 26834345LINK.
  23. Romeo P, Lavanga V, Pagani D, Sansone V., Extracorporeal shock wave therapy in musculoskeletal disorders: a review., in Med Princ Pract., 23(1), 2014, pp. 7-13.,DOI:10.1159/000355472., PMID 24217134.
  24. Butterworth PA, Walsh TP, Pennisi YD, Chesne AD, Schmitz C, Nancarrow SA., The effectiveness of extracorporeal shock wave therapy for the treatment of lower limb ulceration: a systematic review., in J Foot Ankle Res., vol. 8, 5 febbraio 2015, p. 3,DOI:10.1186/s13047-014-0059-0., PMC 4342213., PMID 25722746.
  25. Maffulli G, Hemmings S, Maffulli N., Assessment of the Effectiveness of Extracorporeal Shock Wave Therapy (ESWT) For Soft Tissue Injuries (ASSERT): An Online Database Protocol., in Transl Med UniSa. 2014 Apr 8;10, pp. 46-51, PMC 4140430., PMID 25147767.
  26. Dymarek R, Halski T, Ptaszkowski K, Slupska L, Rosinczuk J, Taradaj J., Extracorporeal shock wave therapy as an adjunct wound treatment: a systematic review of the literature., in Ostomy Wound Manage, 60(7), 2014 Jul, pp. 26-39., PMID 25019247..
  27. Gerdesmeyer L, Frey C, Vester J, Maier M, Weil L Jr, Weil L Sr, Russlies M, Stienstra J, Scurran B, Fedder K, Diehl P, Lohrer H, Henne M, Gollwitzer H., Radial extracorporeal shock wave therapy is safe and effective in the treatment of chronic recalcitrant plantar fasciitis: results of a confirmatory randomized placebo-controlled multicenter study. Am J Sports Med., 2008 Nov;36(11), pp. 2100-9.,DOI:LINK, PMID 18832341..
  28. Dizon JN, Gonzalez-Suarez C, Zamora MT, Gambito ED., Effectiveness of extracorporeal shock wave therapy in chronic plantar fasciitis., in Am J Phys Med Rehabil., 93(8), 2014 Aug, p.735, DOI:LINK, PMID 24919074.
  29. Seok H, Kim SH. The effectiveness of extracorporeal shock wave therapy vs. local steroid injection for management of carpal tunnel syndrome: a randomized controlled trial., Am J Phys Med Rehabil., 92(4), 2013 Apr, pp. 327-34.,DOI:LINK, PMID 23044704.,LINK..
  30. Vahdatpour B, Alizadeh F, Moayednia A, Emadi M, Khorami MH, Haghdani S., Efficacy of extracorporeal shock wave therapy for the treatment of chronic pelvic pain syndrome: a randomized, controlled trial., in ISRN Urol., 2013 Aug 28,DOI:LINK, PMC 3755541.,LINK.
  31. d’Agostino C, Romeo P, Lavanga V, Pisani S, Sansone V., Effectiveness of extracorporeal shock wave therapy in bone marrow edema syndrome of the hip., in Rheumatol Int., 34(11), 2014 Nov, pp. 1513-8., PMID 24658812.
  32. FDA- premarket approval apparecchiatura ESWT
  33. FDA- premarket approval apparecchiatura ESWT
  34. FDA- premarket approval apparecchiatura ESWT
  35. FDA- premarket approval apparecchiatura ESWT
  36. FDA- premarket approval apparecchiatura ESWT
  37. FDA- premarket approval apparecchiatura ESWT
  38. Extracorporeal shockwave lithotripsy for calcific tendonitis (tendinopathy) of the shoulder – Guidance and guidelines – NICE, su nice.org.uk.
  39. Extracorporeal shockwave therapy for refractory plantar fasciitis – Guidance and guidelines – NICE, su nice.org.uk.
  40. Extracorporeal shockwave therapy for refractory Achilles tendinopathy – Guidance and guidelines – NICE, su nice.org.uk.
  41. Extracorporeal shockwave therapy for refractory tennis elbow – Guidance and guidelines – NICE, su nice.org.uk.
  42. Extracorporeal shockwave therapy for refractory greater trochanteric pain syndrome – Guidance and guidelines – NICE, su nice.org.uk.